Squirrel: le loro statistiche

Pubblicato il 22 Set 2013

Titolo volutamente provocatorio che idealmente fa da seguito all’articolo “L’ignoranza e la noia” pubblicato qualche mese fa. Come abbiamo più volte preconizzato, i gruppuscoli di squirrel e anti-Scientology bastano a se stessi per estinguersi e ormai sono ridotti ai minimi termini. Noi invece continuiamo sulla nostra strada realizzando invariabilmente quel che ci prefiggiamo. Certo, vorremmo fare meglio e più velocemente, chi non lo vorrebbe. Ma, presto o tardi e con tremendo scorno dei nostri oppositori, raggiungiamo sempre i nostri obiettivi. Una delle nostre caratteristiche che maggiormente fa imbufalire l’antisociale è la nostra persistenza. Noi continuiamo, continuiamo, continuiamo, continuiamo. Per quanti ostacoli si frappongano tra noi e le nostre mete, noi li superiamo e continuiamo, continuiamo, continuiamo. Persistiamo inesorabilmente e raggiungiamo i nostri obiettivi.

Pubblicato il 9 Set 2012

A fine agosto abbiamo fatto un bilancio dell’attività del blog e abbiamo deciso per l’evoluzione annunciata con il post “Evolution”. Il bilancio è indubbiamente positivo, abbiamo accennato qualche cifra, ma il risultato principale è che le persone sane se ne stanno alla larga dalla combriccola degli squirrel e dei loro complici. Sul blog ci sono centinaia di articoli e dai nostri contatori vediamo che continuano ad essere visitati e gli allegati vengono continuamente scaricati. Per altri canali sappiamo di parecchia gente che usa i contenuti del blog per risolvere dubbi, fornire informazioni corrette o sbugiardare squirrel.

Pubblicato il 28 Apr 2012

«Sogni, mete, ambizioni, queste sono le cose che l'Uomo usa come combustibile. La SOPRAVVIVENZA non è altro che lo sforzo volto a realizzare azioni. C'è la vasta meta di "tutta la sopravvivenza". C'è la piccola meta di una "buona azione". Sopravvivenza, azioni e mete sono inseparabili.» L. Ron Hubbard (Manuale per i Preclear) La disfatta è totale, assoluta, inappellabile, imprevista e devastante. Il campo indipendente è completamente allucinato. Ce ne dà notizia di prima mano Gary non Cooper, ma Baldi, un comico della Compagnia del Brusat che ha il compito di andare in giro per Internet a pubblicare la locandine di ogni nuova farsa.

Commenti: 18
Pubblicato il 31 Gen 2012

«Un'organizzazione, le sue parti o un individuo attraversano vari stati di esistenza. Se questi stati non vengono affrontati correttamente, portano al declino e alla miseria, alla preoccupazione e alla morte. Se li si affronta correttamente, ne deriveranno stabilità, espansione, influenza e benessere.» L. Ron Hubbard

Pubblicato il 5 Gen 2012

Due giorni fa abbiamo pubblicato la prima parte di questo resoconto nell’articolo “Marty Rathbun: Panoramica del 2011 – Parte 1”. Quanto in basso può cadere o quali equilibrismi è capace di fare Marty Rathbun per cercare di farsi credere? Beh, il 2011 ce ne ha dato un assaggio. Parliamo di assaggio perché siamo sicuri che Marty Rathbun è capace di scendere ancora più in basso di quanto abbia fatto finora.

Pubblicato il 2 Gen 2012

«Chi è buono è in grado di aiutare. Chi è cattivo non lo farà o, se lo fa, “aiuta” solo per tradire. Il bene della Terra nasce dal suddetto punto di demarcazione, in cui l’aiuto è aiuto ed è onesto. Il dolore della Terra nasce da quei livelli di tono in cui l’aiuto non esiste oppure viene usato per spingere noi nell’agonia. Vedete di conoscere i vostri amici. È strano che chi polemizza con noi opponendosi alle nostre mete e a Scientology, non sia in grado di concepire l’aiuto onesto. Se discutete con tali persone sull’aiuto, scoprirete qual è il loro livello di tono e vedrete se, come amici, sono di molto valore. Questo è il test che potete usare per discernere il buono e il cattivo e poi, con le idee chiare, iniziare a creare un mondo in cui tutti gli esseri viventi possano vivere.» L. Ron Hubbard (HCOB 28 Maggio 1960 “DALLE LORO AZIONI”)

Commenti: 1
Pubblicato il 14 Nov 2011

Se vi è mai capitato di leggere qualcosa di David Irving, il tristemente noto revisionista storico che nega l’esistenza dell’Olocausto, avrete capito come mai Marty Rathbun, spergiuro dichiarato e bugiardo, si è ora guadagnato il soprannome del “David Irving degli squirrel”. Rathbun sa perfettamente che è molto difficile, se non impossibile, parlare di avvenimenti relativi alla Chiesa ai quali non era presente, ma lui li racconta lo stesso, distorcendoli e mentendo per portare avanti i suoi obiettivi propagandistici.

Pubblicato il 4 Nov 2011

Facciamo una pausa breve con gli articoli della serie “I nomi dei Nemici di Ron”, giusto per non diventare monotematici e per dar tempo ai nostri traduttori di preparare un po’ di materiale. Ma non preoccupatevi, riprenderemo domani e nei giorni a seguire, dato che abbiamo montagne di materiale disponibile. Rimaniamo comunque parzialmente sul filone per vedere com’è possibile che le bugie che circolano su Ron e su Sceintology, possano venir accettate e addirittura rinforzate dagli squirrel della banda Rathbun. Qual è lo stato mentale, il meccanismo perverso che fa sì che, persone che hanno avuto la tech di Ron a portata di mano senza alcun ostacolo, si siano dedicati a questi giochi distruttivi.

Pubblicato il 18 Ott 2011

“Uno dei modi in cui un SP opera per arrestare un’attività o fermare un’Abbondanza consiste nello scegliere il personale chiave e diffondere storie pazzesche, false e preoccupanti sul suo conto”. L. Ron Hubbard (Libro Introduzione all’Etica di Scientology)

Pubblicato il 10 Ago 2011

Nel tentativo di dimostrare una presunta “crescita esponenziale” della loro attività, o quanto meno del traffico di visitatori sul loro blog, lo sparuto gruppuscolo di squirrel Italiani che soggiacciono ai dettami di Marty Rathbun, ha più volte chiamato in causa “Alexa” (www.alexa.com) additandola come fonte attendibile delle statistiche di visita del proprio blog. Nel vedere tali proclami tornare periodicamente alla fosca luce della ribalta nel loro lugubre sito, sempre appaiati alle invettive contro delle presunte “statistiche gonfiate” da parte del management della Chiesa, ci siamo insospettiti.

Pagine

Subscribe to Squirrel: le loro statistiche