Teste da tazza

religioso pensieroso

«Definizione di individuo: qualcuno che opera in coordinazione con se stesso 24 ore al giorno, Questo è un individuo. Un organismo che è infelice, aberrato, è un organismo che sta operando 24 ore al giorno con scopi contrastanti a se stesso.»

L. Ron Hubbard
(Dizionario di Dianetics e Scientology)

Corre l'anno 1513 e gli Indipendugli italiani e internazionali hanno trovato un nuovo credo: la riforma luterana. Il “verbo” è partito dall'alto, da Marty Rathbun in persona che viene presentato su alcuni media come un nuovo Martin Lutero mentre al tempo stesso dice di credere al buddismo Zen.

La confusione è naturalmente di casa nella mente di quest'uomo, però il nuovo “verbo” scende dalle valli del bresciano e tocca i predicatori locali che non perdono tempo e iniziano subito la loro professione di fede nei confronti del loro nuovo “profeta”.

indipendologo post

La cosa si fa interessante, il discorso si sposta sul piano teologico, l'ottava dinamica! E scomodiamo persino papa Leone X, mica giusto il mago Otelma come i concorrenti de La Reception (vedi Silvia Akkusada, la vendetta).

E' giunto il momento di documentarci, perciò andiamo a vedere l'articolo di Wikipedia come ci consiglia “monsignor” Lugli.

“Lutero provò l'esperienza della torre (Turmerlebnis): un'improvvisa rivelazione, cioè l'assioma fondamentale della religione protestante, come egli stesso ammise gli venne in mente mentre si trovava «nella latrina della torre», leggendo e meditando sulla lettera di San Paolo ai Romani”.

scivolone nella tazza del WCPerbacco, la cosa si fa davvero interessante! Ma allora visto che Rathbun si vuole paragonare a Lutero vuol forse dire che Rathbun scrive le sue blippate quando è seduto sul water? E che l'Accademia degli Indipendugli nazionali è in realtà un cesso?

Continuiamo immediatamente a leggere, non vogliamo perdere una sola parola!

“Lutero vive una religiosità di tipo medioevale. Egli non vive la crisi della religiosità tradizionale tipica di una cultura rinascimentale che non gli appartiene (cfr. L. Febvre, "Martin Lutero", Bari 1969). È un uomo del passato, vive la fede come i suoi antenati”.

Ah dunque Rathbun è un uomo del medioevo, bloccato in qualche momento del passato, che vive la vita dei suoi antenati e che non appartiene al rinascimento della nostra cultura. Beh, in effetti tutto quadra.

Però “monsignor” Lugli è tutto compreso nel suo nuovo ruolo e ci spiega i punti fondamentali della dottrina luterana. Non sapevamo che fossero diventati improvvisamente teologi in via Tebaldo Brusato, ma la vicinanza del convento di Santa Giulia deve averli influenzati, solo che dovendo alterare in modo compulsivo si mettono ad attaccare pure i preti diventando protestanti in terra cattolica. Diamo quindi la parola a Claudio Lugli che “forte” dei suoi studi su Wikipedia ci erudisce sui fondamenti della dottrina luterana.

indipendologo post

Molto bene, allora leggiamo il nuovo credo degli Indipendugli: “la salvezza non si ottiene a causa delle buone azioni, ma avendo fede in Dio” insomma si salvano solo i “raccomandati”. E voi da chi sareste raccomandati? Da Martin Ratero? Per l'amor di Dio!

Leggendo il resto vediamo sostanzialmente che il vostro nuovo credo sostiene che Dio è responsabile di tutto e voi non siete responsabili di niente. Avete mai letto la HCO PL 31 gennaio 1972  Serie dei Dati 22 “Il perché è Dio”? No? Ah scusate, voi le policy di Ron non le leggete, giusto. I livelli ottì li fate con Wikipedia. Capito. Va bene, va bene allora guardiamo la vostra “fonte”.

“La dottrina della giustificazione, o salvezza, per fede e non mediante le opere, o la penitenza, rimase il pilastro centrale degli insegnamenti di Lutero”. Ragazzi miei, persino Wikipedia sa che state giustificando a tutto spiano. Ma continuiamo a leggere Wikipedia.

“Lo studio della Bibbia, la preghiera e la meditazione lo aiutarono a pervenire a un intendimento diverso di come Dio considera i peccatori. Da qui, derivò l'idea che il favore di Dio non è qualcosa che si possa guadagnare, ma viene concesso per immeritata benignità a coloro che manifestano fede. Nella teologia paolina infatti l'apostolo sostiene che se noi avremo fede saremo giustificati da Dio per i meriti di nostro signore Gesù Cristo. Dio, e lui solo, ci darà la grazia, la salvezza giustificandoci. È questo il punto centrale di tutta la dottrina Luterana: egli infatti intende giustificati in senso letterale (iustum facere): essere resi giusti da ingiusti che siamo per natura” (cfr. V. Subilia, "La giustificazione per fede", Brescia 1976).

“È l'onnipotenza divina che è in grado di fare questo: trasformare il nero in bianco, rendere giusto ciò che per sua natura è profondamente ingiusto. È inutile che l'uomo ‘con le sue corte braccia’ tenti di raggiungere Dio. L'uomo non può lusingare Dio con le buone opere, tanto più che il peccato originale lo porterà di nuovo irrimediabilmente a peccare. Tutto dipende da Lui, che interviene direttamente sull'uomo. Non c'è più bisogno del mediatore tra Dio e l'uomo: il sacerdote, ma è Dio che nella sua onnipotenza salva chi ha deciso ab aeterno (dall'eternità) di salvare”.

Allora, caro Claudio, vediamo di riepilogare il vostro nuovo “credo” di cui tu sei il locale esponente: l'uomo è fondamentalmente malvagio e continuerà comunque a compiere atti malvagi di cui non è responsabile, ma verrà salvato da Dio che si prenderà responsabilità di tutto e gli farà la grazia. Non serve avere “sacerdoti” tra i piedi che ti ricordino che stai peccando, tanto sei un “raccomandato”.

Dunque voi sareste i “protestanti” e noi saremmo i “cattolici” vero? Un vero colpo magistrale di diplomazia caro Lugli, soprattutto per te che vuoi diffondere “il nuovo verbo” il Italia. Sono sicuro che avrai un grande “seguito”. Magari un bel pedinamento dei carabinieri vicini a voi. Per quel che ci riguarda,

«NOI DELLA CHIESA [di Scientology] CREDIAMO

Che tutti gli uomini di qualunque razza colore o credo siano stati creati con gli stessi diritti;

Che tutti gli uomini abbiano il diritto inalienabile di scegliere e professare le proprie pratiche religiose.»

– LRH (Il Credo della Chiesa di Scientology)

Non ce la sentiamo di escludere nessuno e chi vuole essere cattolico, protestante, ortodosso, musulmano, induista o buddista (e qualsiasi altra pratica religiosa sulla faccia della terra) è da noi ben accetto.

Scientology è una filosofia religiosa applicata, NON è una pratica religiosa, quindi non è in concorrenza o in conflitto con nessuna altra fede. In Scientology è vero quel che è vero per te, non ci sono dogmi, ma si dà il caso che ci sia una tecnologia precisa, che voi non conoscete, ma che produce risultati sempre, nel 100% dei casi, quando applicata.

Voi invece avete una dottrina, persino presa a prestito e alterata. Ma visto che proprio insisti sul fatto che io legga Wikipedia, ti voglio accontentare.

“È dunque esclusivamente Dio che salva, nella misura in cui, in quanto onnipotente, è in grado di trattare come giusto ciò che per sua natura è ingiusto. Ma per i protestanti è solo la fede che salva. La Chiesa cattolica, in merito al problema della giustificazione, crede sulla necessità sia della grazia divina che della cooperazione umana, fatta di fede ed opere: l’uomo è sì corrotto dal peccato originale, ma il suo libero arbitrio non è completamente annullato, e dunque trova, con l’aiuto della grazia divina, la forza per risorgere”.

Io non sono un teologo e credo proprio che non lo sia nemmeno tu. Sbaglio o fino all'altro ieri facevi il sarto? E tua moglie non vendeva vitamine e saponette? Non ho idea se l'articolo di Wikipedia rifletta correttamente i principi delle fedi protestanti e cattolica. Però visto che tu lo citi, significa che riflette esattamente quello che pensi. Dunque sono ben contento di essere da te collocato tra coloro che credono che “il libero arbitrio dell'uomo non è completamente annullato, e dunque trova, con l'aiuto della grazia divina, la forza per risorgere”.

Rathbun burattinaioCome dici? Scusa c'era il rumore dello sciacquone, forse avevi appena finito di scrivere il tuo prossimo commento. Dici che la vera fede è quella di Marty Rathbun?

Dite che:

“Marty dice è uno che crede veramente. Lui ancora crede nelle fede, ma lui sta cercando di riformarla. Lui si vede come una sorta di Martin Lutero.

Marty afferma che la Scientology Corporativa è dominata da fondamentalisti che impongo l’interpretazione letterale dei testi teologici”.

Allora sei anche diventato muezzin e ti schieri insieme a Rataplan contro gli Ajatollah e contro i Talebani? Guarda che non siamo in Afghanistan. Ma forse vuoi solo confondere le acque. Tutta la manfrina su Lutero era solo fumo negli occhi. Vuoi vedere che vi hanno già beccato? Leggo giusto una notizia di agenzia:

Brescia - Fondamentalisti islamici arrestati dalla Digos. La Digos di Brescia ha arrestato 6 cittadini marocchini appartenenti al movimento fondamentalista islamico denominato Adl Wal Ihsane (giustizia e carità). I sei avevano costituito un gruppo che aveva tra i propri obiettivi l'incitamento alla discriminazione e all'odio razziale e religioso, alla violenza e al jihad nei confronti dei cristiani e degli ebrei. Le indagini, avviate più di un anno fa hanno documentato come i soggetti arrestati avessero creato, in seno al movimento islamista marocchino Giustizia e Carità, una struttura caratterizzata da estrema segretezza nel cui ambito, tra l'altro, i figli degli affiliati venivano educati all'odio verso la cultura e i costumi occidentali nonché delle religioni diverse da quella islamica, facendo a tal fine ricorso anche alla violenza psicologica e fisica”.

Touché! La notizia non è recente, evidentemente siete sotto libertà vigilata. Che foste in 6 o giù di lì l'avevo capito, che educaste i vostri figli all'odio l'avevo pure capito, che foste ispirati dalla discriminazione era evidente e che faceste uso della violenza psicologica e fisica era documentato. Ma che foste pure diventati marocchini!

Vabbé diamo la parola ad LRH che forse è meglio.

«La vita non volendo affrontare cose che non le sono simili, ha la tendenza a opporsi e trattenersi dallo stare di fronte a ciò che è meno comprensibile. E' tale resistenza, di per sé, a causare la "spirale discendente", la discesa verso una capacità minore. la vita non desidera questa discesa verso una capacità minore, a meno che non conosca i principi coinvolti. La vita opponendosi si rende meno capace.

E' in atto una regola fondamentale.

CIO' CHE SI TEME SI DIVENTA.

Quando una persona rifiuta di duplicare qualcosa, pur rimanendo nel suo ambiente, la resistenza stessa a ciò che rifiuta di duplicare la porterà alla fine ad avere così tante immagini di energia di quella cosa che, per poter avere una qualche massa, si ritroverà in possesso di quelle immagini di energia e - senza accorgersi realmente di quanto è accaduto - molto probabilmente accetterà, al loro livello, le cose che in precedenza si era rifiutata di duplicare.»

– LRH (Dianetics 55!)

Concludiamo con alcuni commenti profetici che la concorrenza de La Reception minelliana aveva pubblicato venti giorni fa, in tempi assolutamente non sospetti, riferendosi agli Indipendugli e al nuovo antipapa di Brescia:

indipendenti post

A chi giova? A me no di certo, e mi chiamo pure Giovanni. E quanto al movimento indipendente “nostrano” credo che sia proprio arrivato il momento di tornare a zappare la terra.

Giovanni Semplici

Pubblicato in: