Rathbun: Intervista a Sigourney Beaver – Parte 3

Intervista a Sigourney Beaver, ex-PC di Rathbun Parte 3
Marty Rathbun: “Non Sono Un SP”

(Grazie ad Athena per l’eccezionale lavoro di traduzione)

Negli ultimi giorni abbiamo pubblicato le prime due parti dell’intervista a questa Scientologist (vedere gli articoli “Rathbun: Intervista A Sigourney Beaver – Parte 1” e “Parte 2”) che ha frequentato e ricevuto auditing da Rathbun, prima di capire chi è veramente costui e ravvedersi. A seguito e conclusione vedremo in questa terza e ultima parte dell’intervista qual è la logica contorta che Marty usa per affermare che COB è un SP e come, in realtà, che le azioni che COB sta facendo siano proprio il contrario di quello che un SP farebbe.

rathbun fumante

Eccovi dunque la terza e ultima parte dell’intervista:

Secondo Marty COB è un SP, mentre lui non lo è. La stessa cosa l’ho vista scrivere su Internet da qualcuno dei suoi. E’ un’affermazione per dir poco, bizzarra.

Il modo in cui me lo disse (nessun ritardo di comunicazione e questa frase “Non sono un SP”, mi diede la netta impressione di star parlando con una mente reattiva. Risposte lampo: “COB è un SP”. “Io non sono un SP”.

Conosco la tecnologia PTS/SP è uno dei modi più sicuri per individuare un SP è trovarsi di fronte qualcuno che insiste di non esserlo, qualcuno che pensa che nessuna delle 12 caratteristiche di una Persona Soppressiva si applichi a lui. Come dice LRH “L’autocritica non è lusso che un SP si può permettere”.

Secondo Marty c’erano due “assoluti” che spiegavano ogni cosa: COB è un SP, quindi tutto quello che lui fa è negativo e lui non è un SP e tutto quello che fa è OK.

Dopo che Marty aveva fatto queste affermazioni, gli chiesi se COB avesse mai fatto qualcosa di buono per Scientology o per qualcuno e mi risposte in modo istantaneo: “No. Mai, sta cercando di distruggere Scientology”.

Il motivo per cui gli avevo fatto quella domanda, era perché  esiste un dato di LRH che dice che gli “assoluti sono irraggiungibili e quel poema “C’è così tanto di cattivo nel migliore di ognuno di noi e così tanto di buono nel peggiore di noi che non conviene a nessuno parlare male del resto di noi”.

La sua risposta mi aveva veramente dato fastidio, perché era una totale bugia. Voglio dire, se COB stesse davvero cercando di distruggere Scientology, pensate che avrebbe fatto tutto quello che ha fatto nel corso degli anni? Se così fosse il suo lavoro per distruggerla non ha avuto successo, visto che si sta espandendo. LRH se n’è andato nel 1986, quindi, sono passati 25 anni.

Già, 25 anni e da un lato Marty si lamenta che COB controlla i cordoni della borsa, che ha un piccolo drappello di persone che fanno in modo che i suoi ordini vengano eseguiti, che lui stesso è la legge e nessuno lo contrasta, e quindi può fare quello che vuole.

Dall’altro, Marty sta indirettamente dicendo che in 25 anni di sforzi dedicati a distruggere Scientology, con tutto quel potere e denaro che lui gli attribuisce, COB ha fallito nel suo tentativo di distruggere la Chiesa.

E’ così illogico che fa ridere.

A questo punto mi resi conto che la realizzazione che Marty aveva avuto riguardo ai facsimili di servizio (vedere “Rathbun: Intervista A Sigourney Beaver –Parte 2”) era corretta, in una certa misura: il problema sono i facsimili di servizio, ma sono quelli di Marty il problema, non quelli degli altri. Marty, quando me lo diceva, in realtà stava parlando del suo caso stava drammatizzando i suoi facsimili di servizio.

Ovvio che ognuno ha facsimili di servizio, ma questi vengono risolti sul Grado 4, e so anche dell’esistenza di un Procedimento per i Facsimili di Servizio, che le persone possono ricevere, se necessario. Ma è proprio Marty che ha facsimili di servizio non risolti o che non possono esserlo.

Tutto divenne chiaro e iniziai a ridere e il fatto di averlo realizzato mi fece sentire più forte e decisi quindi di mettere alla prova Marty. Volevo chiedere a Marty se aveva dei facsimili di servizio, ma non ero coraggiosa fino a quel punto. Quindi gli chiesi: “Se COB è un SP e se il suo obiettivo è distruggere Scientology, perché ha fatto pubblicare i Fondamenti, per esempio?”.

Marty mi disse che non capiva la mia domanda e così gli spiegai che “COB aveva esaminato tutti i libri e che li aveva fatti verificare e correggere, che aveva inserito glossari e indici in modo che le persone potessero leggerli facilmente e comprenderli, che aveva tirato fuori tutte le conferenze che accompagnano ogni libro, le aveva fatte trascrivere e rese disponibili e a costi veramente bassi. E aveva inoltre fatto tradurre il tutto in molte lingue e le persone li stavano acquistando e studiando”.

Qualsiasi fossero le parole da me usate, il concetto che gli comunicai era che tutti  i materiali  di LRH erano stati raccolti, ripuliti e distribuiti in ogni possibile angolo del pianeta. Nessuno avrebbe più potuto sopprimere Scientology e farla sparire dalla faccia della Terra. La tecnologia è stata resa disponibile in modo troppo ampio.

Com’è possibile che un SP faccia questo lavoro? La faccenda non quadrava proprio.

Un SP avrebbe cercato di far sparire i libri di LRH, li avrebbe bruciati o avrebbe pubblicato una falsa tecnologia attribuendola a LRH o avrebbe fatto in modo che New Era Publications fosse chiusa o avrebbe fatto in modo di fermare le persone che li stavano studiando. Quindi, quello che COB stava facendo era proprio l’opposto di ciò che un SP avrebbe fatto.

La risposta di Marty fu molto strana e illogica: disse, senza rispondere alle mie argomentazioni che “quello dei fondamenti altri non è che il giochetto preferito di COB e che quindi è un vero SP, perché invece di fare quello che ha fatto, avrebbe dovuto risolvere i facsimili di servizio delle persone, e che se si fosse concentrato solo su quello, ogni cosa sarebbe andata molto, molto meglio”.

Altra cosa: Marty dice che COB è un SP e si lamenta del fatto che COB ha manipolato la tecnologia PTS/SP. Ma c’è una cosa che io so: COB ha fatto studiare a tutti il Corso PTS/SP. Perché un SP dovrebbe insistere perché questo corso venga studiato (e rifatto, in alcuni casi) e insistere perché tutti lo studino?

Non quadra. Quello che un SP farebbe sarebbe cercare di nascondere la tecnologia, dire che non funziona, che è materiale vecchio e non più in uso, qualcosa del genere. Mi dispiace, ma le affermazioni di Marty non stanno in piedi.

Ron dice che c’è una ragione fondamentale per il comportamento di un SP e cito dal Libro “Introduzione all’Etica di Scientology” di LRH:

“La ragione fondamentale per cui la Personalità Antisociale si comporta come si comporta è il dissimulato terrore che prova nei confronti degli altri.

“Per una simile persona ogni altro essere rappresenta un nemico, un nemico da distruggere, apertamente o di nascosto.

“La sua fissazione è che la sua stessa sopravvivenza dipenda da ‘reprimere gli altri’ o dal ‘tenere la gente nell’ignoranza’.

“Se qualcuno promettesse di rendere gli altri più forti o più intelligenti, la Personalità Antisociale soffrirebbe l’estrema agonia di un pericolo personale.

“Costoro arrivano alla conclusione che se si trovano in difficoltà tanto gravi avendo intorno a sé gente debole o stupida, perirebbero se qualcuno diventasse più forte e più intelligente.”

E’ proprio Marty  la persona che vuole distruggere Scientology, me l’ha detto apertamente e lo ha ribadito più e più volte sul suo blog e ai media. Ha proprio una fissazione su questo.

Quindi la linea che “la sua stessa sopravvivenza dipenda dal ‘reprimere gli altri’ o dal ‘tenere la gente nell’ignoranza’”, descrive esattamente Marty Rathbun.

Non vuole che esistano organizzazioni dove le persone si possano addestrare.

Non vuole che esistano i Fondamenti che permettono alle persone di comprendere Scientology.

Non vuole che Scientology sia disponibile.

Ecco perché attacca la Chiesa e le strutture che rendono possibile la pubblicazione dei materiali e la disseminazione.

COB sta proprio facendo il contrario: rendere le persone più forti o più intelligenti tramite la comprensione dei fondamenti di Scientology.

Sapete, mi sono veramente resa conto di come mi sono fatta abbindolare da Marty e di come questa cosa abbia distrutto le mie dinamiche.

Ma il lato positivo di questa esperienza è che poi è stata per me una vera educazione sui principi fondamentali di Scientology e che ora ho la piena massa e comprensione della Tecnologia PTS/SP. Capisco davvero il valore della Policy, apprezzo veramente la Tech, soprattutto quella di Etica.

E’ un po’ come trovarsi in punto di morte e poi sopravvivere e tornare in tempo presente: questo ti fa apprezzare il fatto di essere vivo, mentre prima lo davi per scontato. Ora mi sento così e con questo non sto assolutamente consigliando di fare questa esperienza, sto solo dicendo che ora apprezzo Scientology molto più di prima.

Ecco il principale facsimile di servizio di Marty: il computo che usa per mettere gli altri dalla parte del torto e giustificare la sua condizione

Se ascoltate ogni singola cosa che dice, sarete in grado di vedere il calcolo che ci sta dietro. Secondo Marty ogni singola cosa che COB ha fatto è negativa. E anche se questa cosa ha avuto esiti positivi, secondo Marty, la motivazione alla base è sempre negativa.

E a sentire lui, ogni cosa che lui ha fatto, invece, è positiva: le sue grosse out tech, l’aver commesso i più gravi altri crimini, l’aver denigrato LRH e la tech parlando con i media. Tutte queste cose, nell’universo di Marty sono accettabili perché lui “non è un SP” e le sta facendo per togliere di mezzo “il vero SP”. E’ così perverso!

Fine della terza e ultima parte


Per leggere i commenti all'articolo sul vecchio blog